Come restaurare infissi in legno

 edificio-via-etnea-440 Gli infissi esterni (serramenti) costituiscono un elemento costruttivo funzionale del subsistema chiusure verticali e pertanto rientrano tra i componenti edilizi che svolgono la funzione di mediare gli spazi interni con l’esterno.Gli infissi in legno li ritroviamo installati in immobili non di nuova concezione ed in alcuni casi gli edifici non  possono subire alcuna variazione se non di  restauro.

  Ebbene qualsiasi porta in legno è possibile il restauro con passaggi non particolarmente difficili; occorre tanta  pazienza  e buona volontà. Qui di seguito vedremmo insieme come procedere. Buon lavoro!!

 

Per l’inizio di questo lavoro occorre munirsi di:

  •   carta vetrata n°80 e n°120           carta-vetro-500x500                                                 
  •   1 paletta metallica                           palette                    
  •   1 spatola metallica                                    4-palette-spatole-spatola-per
  •   cartone pressato
  •   nastro adesivo                                                      carta_adesiva
  •  stucco sintetico
  •  stucco metallico
  • acquaragia e/o diluente per sintetici
  •  cementite o un primer multiuso
  •  smalto nella tinta desiderata 
  • pennello a pipa piccolo    
  • 1rullino completo da 10 cm  con 2 ricambi per smalto

Un consiglio: se lavorate in un ambiente abitato, utilizzate prodotti esenti da solventi, quindi primer all’acqua e smalti all’acqua. Si spenderà qualcosa in più, però ne guadagnerete in salute e possibili lamentele per il cattivo odore        

La prima operazione da effettuare è quella di   rimuovere tutte le parti che sono gonfie, staccate e marce; ovviamente prima di ogni cosa vi consiglio di stendere sul pavimento del cartone, cosi da evitare di macchiare.IMG_20150319_082124

IMG_20150327_093829

Togliete il tutto aiutandovi con una paletta metallica facendo attenzione al vetro che solitamente è molto fragile. Completate  carteggiando con della carta vetrata (vedi fig. sottostante)

IMG_20150319_084647

Attrezzatevi di una scopa,spolverate e con un panno impregnato con acquaragia o diluente per sintetici,  pulite la superficie carteggiata .

Fatto ciò potete preparare il primer, attenendovi alla scheda tecnica del prodotto. Le latte da 750 ml o da 1lt. sono scomode da utilizzare, soprattutto per intingere il rullino; quindi vi consiglio di versare il prodotto in una latta vuota da 5lt.

Applicate il primer su tutta la superficie

IMG_20150311_135445

Una volta che la superficie è asciutta potete procedere  a stuccare tutte le parti che lo necessitano. Utilizzate lo stucco sintetico per parti lievemente solcate, mentre per superfici molto danneggiate è consigliabile lo stucco metallico

IMG_20150327_091234

 

 

 

 

Asciugato lo stucco, ripetete nuovamente l’operazione di stuccatura con il sintetico.

Questo lavoro necessita di diversi passaggi, quindi occorre pazienza. L’altra operazione da fare è quella di carteggiatura con carta vetrata n°120. Finito ciò spolverate e date un ultima mano di primer.

Cambiate il rullino con uno nuovo ed il pennello lavatelo per bene con del diluente cosi sarete sicuri di  completare il tutto a regola d’arte.Siamo quasi alla fine perchè adesso non rimane altro che finire applicando 2 mani di smalto nella tinta scelta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...