Il Cartongesso

img004 - Copia

Un sistema costruttivo come quello che ha, come materiale principale  il cartongesso, può costituire un modo semplice,  veloce e pulito di suddividere un ambiente in più aree funzionali.

La sua versatilità ne fa la scelta migliore quando desideriamo una  ridistribuzione interna degli spazi, nel caso mutino le esigenze abitative,  quando vogliamo eliminare i vari passaggi delle opere murarie (es.: posa dei mattoni, licazione di un primo strato di rinzaffo, da un secondo stratosestiato, traversato),  che comportano un maggior dispendio di tempo .

Inoltre, può essere usato anche nella realizzazione di controsoffittature lineari o con forme particolari, creare velette e muretti dalle forme personalizzate o contropareti nel caso di voler isolare la parte già esistente.

Tutti questi pregi fanno sì che il cartongesso è sempre più utilizzato sia nelle nuove costruzioniche nelle ristrutturazioni appartamenti.

Quanti tipi di lastre di cartongesso e che spessori utilizzare? Qui sotto vedremo le varie tipologie:


cartongesso

  • Lastra bianca per un utilizzo regolare ove non occorrono particolari caratteristiche;
  • Lastra verde può essere usato anche in ambienti umidi come bagno, cucina o nei piani terra ove si ha umido di risalita. In questi ambienti si usano le lastre in cartongesso rivestite con materiale idrorepellente,  chiamate in gergo lastre verdi per la colorazione delle lastre;
  • Lastra rossa ha la caratteristica della resistenza al fuoco.Sono lastre speciali realizzate congesso enidrato, vengono usate per compartimentare ambienti atti a proteggere l’evacuazione delle persone durante un incendio  e proteggere le strutture dai danni del fuoco per un tempo determinato (R.E.I.).

Lo spessore delle lastre viene deciso in base a cosa dovremmo realizzare. In genere per unacontrosoffittatura lo spessore varia da uno spessore di 10mm a 13mm.

Se dobbiamo realizzare una parete o controparete, lo spessore non deve scendere al di sotto dei 13mm, in quanto al di sotto di esso, la parete risulterebbe delicata agli urti.

All’interno della struttura possiamo inserire anche del materiale per un isolamento, che sia solo termico, acustico o  termoacustico, come lana di roccia, lana di vetro, pannelli in polesterolo,  poliestere, polistirene. doppio rivestimento con pannelli

L’esempio nella figura fa vedere, che è possibile realizzare una parete con doppia pannellatura, cioè viene applicata la prima serie di pannelli e sovrapposti un’altra serie. Questo sistema è il top per la resistenza alle sollecitazioni esterne.

Quindi ricapitolando è importante la scelta della lastra di cartongesso ed anche lo spessore.

Altro tasto importante, ovviamente è la scelta della struttura da utilizzare per l’applicazione del cartongesso. Allora, di cosa abbiamo bisogno?

Ebbene la struttura è composta da guide o perimetrali, montanti, barre dentate, ed accessori.

Ora vediamo di cosa abbiamo bisogno per iniziare i lavori:

  1. trapano elettrico o tassellatore;T-e3559cb336075436167a3e2c2d5e48ef-250x253
  2. avvitatore a batteria;
  3. martello;
  4. livella manuale;
  5. 2 scale;
  6. forbice per lamierino;
  7. un taglierino;
  8. un battifilo;
  9. una matita;
  10. un metro.

Ovviamente prima di iniziare i lavori dobbiamo stabilire il materiale che occorre per l’esecuzione dei lavori.

Realizzazione controsoffitto

Ipotizzando una stanza di 4×3 m dobbiamo calcolare quante guide, montanti e barre dentate occorrono.

Sapendo che ogni guida e/o montante è lunga 3 metri, ed i montanti (in genere), vengono fissati ad una distanza di 60cm l’una dall’altra, facciamo il conto del numero:

  • 5 guide;
  • 6 montanti;
  • 2 barre dentate

Gli accessori che accennavo sopra sono i seguenti: tasselli a battere ( per il fissaggio delle guide), viti per cartongesso, nastro biadesivo, pendini e ganci a molla.

Se avete tutto vi consiglio di guardare il video dell’azienda Knauf ( leader nel settore), postato a fine pagina, che vi illustrerà passo- passo come procedere. Che dire, buon lavoro e vi raccomando… fate tutto per bene perchè un tetto che cade in testa non fà piacere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...